In un anno cestistisco (e non solo) particolare come questo, non è facile né scontato parlare di futuro; ma nonostante tutte le difficoltà e le incertezze del caso la Salus c’è ed è pronta per un’altra grande annata: abbiamo fatto due chiacchiere con Davide Castrianni che ci ha raccontato le novità per la prossima stagione.

Davide CastrianniNonostante i tre mesi di stop forzato, la società biancoblu non ha mai smesso di lavorare, sia per continuare a proporre ai ragazzi, nonostante la distanza fisica, qualche attività che li tenesse uniti e legati alla squadra, sia per concepire e organizzare la stagione successiva, per ripartire nel miglior modo possibile.

In questo periodo di grande difficoltà abbiamo incessantemente lavorato per mantenere i contatti con l’intera comunità e rendere anche un po’ più leggera la situazione per i nostri ragazzi. Un esempio è il nostro preparatore Teo Barreca: è stato ancora una volta straordinario, unendo alla sua professionalità le sue grandissime doti di “collante”. Ha organizzato un programma di allenamenti fisici a distanza, anche per i genitori o i fratelli dei nostri ragazzi, davvero fitto.  Insieme a Francesca Cuzzi e Nicole Alessandri ha lavorato su contest e iniziative che hanno avuto un ottimo successo, così come la gran parte del nostro staff. Senza pretendere di essere stati perfetti (il periodo da coprire è stato lungo e i mezzi ridotti) abbiamo fatto del nostro meglio e guardiamo con fiducia al prossimo anno. Infatti, nonostante le difficoltà e le incertezze, siamo pronti a ripartire con ancora maggior entusiasmo!”

Grazie al continuo lavoro dello staff la “nuova” Salus 2020/21 sta piano piano prendendo forma: tassello dopo tassello la società sta lavorando per migliorare costantemente l’offerta sportiva ai ragazzi e alle famiglie.

“Fin dall’inizio, l’idea del presidente Umberto Arletti è stata quella di costruire un valido progetto giovanile a lunga scadenza, che col tempo potesse crescere e perfezionarsi a piccoli passi: l’abbiamo condiviso insieme e dal 2007, ogni anno, l’obiettivo è quello di migliorarsi, per quanto possibile, e dare continuità alla nostra proposta; senza grandi proclami siamo riusciti a posizionarci in una geografia articolata come quella di Bologna e soprattutto a farlo con correttezza e trasparenza, ottenendo il riconoscimento di una certa credibilità e di un certo “stile”. Nel nostro piccolo cerchiamo di cambiare il mondo lavorando sui ragazzi, condividendo con loro un certo tipo di cultura, di comportamenti e di etica.

L’ottimo lavoro svolto negli anni continua a dare i suoi frutti, anche in termini di risultati e di prestazioni agonistiche. La crescita dei ragazzi, e in particolare di alcune squadre, è evidente e la voglia, la determinazione, la costanza sta portando grandi soddisfazioni anche alla società.

“E’ bello e appagante vedere come l’impegno profuso negli anni trovi riscontro poi nel tempo. Di solito non ci soffermiamo troppo sui risultati agonistici, ma in alcuni casi può essere importante anche guardare a quelli come prova del lavoro svolto. La prossima stagione avremo due squadre per cui chiederemo di disputare il campionato d’Eccellenza (U20 e U16), almeno due parteciperanno ai gironi Gold (U18 e U15), oltre ai  vari gruppi Silver, segno che con il duro lavoro, sia nostro che dei ragazzi, si possono ottenere importanti soddisfazioni”.

Si prospetta, quindi, un’altra grande annata in casa Salus: come sempre, i ragazzi avranno l’opportunità di crescere, migliorarsi e soprattutto divertirsi facendo quello che più amano fare. Nonostante le difficoltà del periodo e alcuni importanti cambiamenti che hanno interessato l’organico biancoblu, la società è riuscita a mettere in piedi una struttura valida, di qualità ed esperienza in linea con quelle che erano le aspettative e gli obiettivi di lungo periodo.

“Abbiamo avuto qualche cambiamento importante: a Max, Francesco e Marco auguriamo le migliori fortune, sportivamente e non. Nel costruire lo staff per il prossimo anno, abbiamo come sempre  valorizzato le risorse interne e inserito figure importanti: Marco Lucaccini qualifica enormemente non solo il nostro settore minibasket, vero polmone della società, ma anche il settore giovanile. Fabrizio Fantasia porta energia, esperienza ed entusiasmo, Enrico Capelli aggiunge freschezza e grandi potenzialità a un curriculum di tutto rispetto. E’ una bella sfida lavorare con un mix del genere!”. 

Manca ancora un po’ di tempo, ma non vediamo l’ora di tornare in campo!

 

 

Open Days & Iscrizioni
Salus Shop Online
Targa Minibasket
Progetto Maxhoops
Summer Camp Salus
Seguici
Collaborazioni
Archivi